Commercio equo e solidale: l’uovo oggi o la gallina domani?

Sempre più gente è attenta a ciò che mangia, sia dal punto di vista qualitativo che dal punto di vista della provenienza e, di conseguenza, degli effetti economico-sociali. Insomma, i consumat(t)ori crescono!
Non è un caso che catene di supermercati come Coop e Conad abbiano la loro linea solidale o che grandi multinazionali come Nestlè e Ferrero abbiano deciso di “impegnarsi” in questo tipo di commercio.
Se da un lato questo può essere un importante traguardo raggiunto, dall’altro, però, i dubbi non mancano: con quale senso critico una multinazionale decide di vendere prodotti provenienti da un circuito solidale, con un prezzo equo e rispettoso dei 10 principi ed, allo stesso tempo, vendere prodotti che non hanno questa certificazione? E’ facile trovare su internet documentari sullo sfruttamento minorile in campi di cacao, o sul cotone, o sulle banane, o sul riso e così via.
Quindi, mi chiedo, è meglio premiare i prodotti con il marchio “fair trade” delle multinazionali, in quanto aiutano il “sud del mondo” e i piccoli produttori, oppure continuare a boiccotarli perchè potrebbe essere solo greenwashing?
Andare nei grandi supermercati super forniti o andare nelle piccole botteghe dove non sempre sappiamo se troviamo quello che cerchiamo?
Puntiamo all’informazione prima dell’acquisto, come avviene nelle botteghe di commercio equo, organizzatrici di eventi sul territorio o lasciamo al consumatore la curiosità di informarsi, vista la quasi assente informazione data nei supermercati?
Non so voi, ma io acquisto dalle Botteghe del Mondo!

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *